All’estero con TIM

 

Il mese di aprile ci permette di approfittare dei vari ‘ponti’, per staccare la spina.

Prima di preparare la valigia, vi siete chiesti se il vostro piano tariffario è adeguatamente pronto per partire con voi?


Da almeno un paio di anni a questa parte, utilizzare il nostro smartphone in Europa o in Italia, non fa differenza.
Il dubbio si pone quando siamo diretti verso un paese al di fuori della comunità europea.

Che fare dunque?

Innanzitutto cercate di informare, in tempo utile, un consulente TIM Business in merito alla trasferta, specificando il paese verso il quale siete diretti.

Per “tempo utile” si intende 4/5 giorni prima, possibilmente non quando siete sulla navetta diretta all’aeroporto (!!)


A seconda del piano tariffario, ma soprattutto dell’utilizzo, si aprono diversi scenari:


  • attivare opzioni che non maturano alcun canone mese fisso, ma che entrano in gioco solo nel momento in cui TIM riconosce che siete in un paese Extra Ue.
    
Queste opzioni “a gettone” comprendono un tesoretto, giornaliero o settimanale, di minuti in entrata e in uscita, traffico dati e sms.

  • attivare un’opzione che mette a disposizione un pacchetto più sostanzioso, con contributo mensile prefissato, in aggiunta al vostro piano, a cui potete attingere ogni qualvolta ne abbiate bisogno, garantendo un bundle annuale o mensile.


Tuttavia, vi suggeriamo di tenere sempre sotto controllo i consumi, soprattutto in termini di navigazione, visto che non sono facilmente quantificabili.
Top Team vi guida per rimanere sempre connessi, ma voi cercate di godervi queste meritate vacanze.